Questo blog è frutto della mia voglia di condividere con tutti voi i miei lavori manuali e la passione per il country painting.







oryvolpe@libero.it.














martedì 25 novembre 2008

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE




Oggi, 25 novembre, si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Mi sento particolarmente toccata dall'argomento dato che la mia tesi finale del Master in Criminologia trattava anche questa realtà.

Ho letto tanti dati sconvolgenti ma non voglio stare qui ad annoiarvi fornendovi statistiche...

ma vorrei riflettere su una cosa..che gli atti di violenza sono commessi in maggioranza all'interno delle mura domestiche da persone conosciute e di fiducia: mariti, conviventi, fidanzati, amici.

Proprio lì dove ci dovremmo sentirci più sicure ci troviamo a vivere un incubo senza fine.

E ancora oggi la maggior parte di queste violenze non sono denunciate...

e allora mi chiedo...dov'è lo stato? dove sono i finanziamenti verso tutte quelle associaizoni sparse sul territorio che si occupano della tutela della donna? e perchè non si cambiano le leggi e si aiuta veramente chi denucia senza aspettare di vedere scorrere il sangue?

E alle donne che hanno subito o subiscono ancora dico: non siete sole...le associazioni presenti sul territorio, seppur vivendo grandi difficoltà, sono composte da persone valide, preparate ed esperte.

Non subite...per quanta pressione psicologica vi stia facendo chi vi maltratta, per quanti sensi di colpa stia facendo nascere dentro di voi...ricordate: voi non avete colpe e dunque...non dovete subire ma reagire e dire NOOOO!!!

E voi bastardi che fate tutto questo...vi credete più uomini? Credete di amare queste donne? Beh, non siete classificabili neanche come bestie perchè gli animali proteggono la coppia, la loro compagna e i loro figli...

VERGOGNATEVI!!!!

3 commenti:

pam ha detto...

Concordo in pieno cara Ory, il brutto è che purtroppo da noi manca la "certezza" della pena, attenuanti generiche e del caso la riducono rendendola a volte "ridicola"...Bisognerebbe applicare il diritto altrimenti prima o poi qualcuno tornerà ad applicare la legge del taglione...ed io non mi sentirei di biasimarlo!
A presto Pam

gughia ha detto...

Ciao Ory!Ma sei sempre in viaggio tu?Domani nella splendida Roma e poi di nuovo in giro alla volta della splendida Sicilia.Non ti fermi mai è?Quanto alla violenza sulle donne concordo appieno con quello che ha detto Pam...Occhi per
occhio dente per dente!Chissà cosa direbbero i nostri benpensanti politici se si trovassero alle prese con le donne della loro famiglia violentate(dio non voglia per carità,penso che sia l'affronto più doloroso che una donna possa vivere)Vedresti se cambierebbero le leggi!|!Io prendo subito fuoco in queste discussioni.Ok,forse straparlo,ma un po' più di rigore non farebbe certo male.A presto,un bacio grande

Silvia ha detto...

caspita mi vengono i brividi e pensa che volevano censurare l'immagine della locandina in quanto è simile al cristo in croce, ma a me sembra che sia giusta e non provocatoria, inece di censurarla iniziate a fare meno violenza! un bacio silvia